6 al superenalotto, ecco la storia incredibile del vincitore

Ci sono giochi, contesti e situazioni che entrano inevitabilmente nell’immaginario pubblico di uno specifico paese e questo è quello che succede oggi in Italia con il Superenalotto. Esso può essere accostato, in maniera molto generica, con importi messi a disposizione per le vincite d’altro genere, a quello che è stato fino a qualche decennio fa il Totocalcio. La classica schedina della domenica che veniva associata al campionato italiano di calcio e in cui fare tredici cambiava di netto e in positivo, la vita del vincitore.

Bene, il tredici di una volta è diventato nell’immaginario collettivo, l’attuale sei: numero quasi dimezzato ma con importi assolutamente schizzati alle stelle. In un momento tanto delicato come quello che stiamo vivendo adesso, per un italiano, sapere che c’è un concorso, una lotteria che mette in palio fior fiori di milioni di euro è qualcosa di certo da non lasciarsi assolutamente scappare. E’ qualcosa che rappresenta una speranza, una possibilità di stravolgimento, in maniera del tutto netta e positiva.

Ecco che il Superenalotto, in questo senso, rappresenta oggi, in un modo o nell’altro, una valvola di sfogo degli italiani. Al Gratta e vinci, generalmente il giocatore gli si avvicina per puro istinto o per abitudine ma il discorso è diverso per quel che riguarda le classiche lotterie, Lotto e Superenalotto, perché in quel caso esiste il gioco che potremmo quasi definire della tradizione. Si va qui alla ricerca dei numeri nei fatti di ogni giorno, nei sogni o negli anniversari e si tenta disperatamente di incastrarli tra loro e andare a scommetterci qualsiasi somma di denaro.

Ad oggi, per chi indovina il sei vincente il premio è di ben 358 milioni di euro, una somma di denaro da capogiro mai vistasi nel nostro paese. Di cifre altissime ne sono state distribuite, ma mai tanto alte e basta infatti pensare che l’attuale record di vincita, potenzialmente dunque già stracciato, riguarda una giocata letteralmente da sogno effettuata a Lodi, in Lombardia, nel 2019: al fortunato giocatore, in quel caso, è toccato un bel bottino da ben 209 milioni di euro.