5G non interessa

Ai clienti Iliad, poco importa del 5G. O almeno così sembra. E non sappiamo quanto questo sentimento di generale disinteresse sia limitato ai clienti del quarto operatore mobile oppure se sia esteso all’intera platea di consumatori di internet mobile. Sono i primi risultati provvisori del sondaggio che abbiamo lanciato ieri e che potete guardare anche tramite la nostra app gratuita scaricabile dal Google Play Store.

Vi abbiamo chiesto: cosa vorreste ora da Iliad? Quattro risposte possibili, tra le quali, appunto, il 5G. La tecnologia del futuro che sta tenendo banco in queste settimane. Aste per le frequenze che hanno raggiunto cifre da capogiro, sperimentazioni, lanci in pompa magna (per il momento solo da parte di Vodafone e Tim).

La realtà (almeno quella che si palesa a noi) è che tutto sommato verso il 5G, tutto questo interesse non c’ è. O almeno, non c’ è ancora.

Banner Iliad

Interessati al 5G meno del 10% dei clienti Iliad che hanno votato

Come sapete ci piace ascoltare le vostre opinioni e tastare il polso della situazione. Ieri abbiamo lanciato un sondaggio, ancora aperto, che prevede quattro priorità che Iliad, secondo i suoi clienti, dovrebbe tenere in assoluta considerazione.

La copertura, con la nuova rete indipendente. Per il momento è questa la scelta più gettonata da più della metà dei votanti. C’ è poi un 25% circa che spera in un rapido approdo di Iliad anche nel fisso.

Se ne parla da mesi e probabilmente nel 2019 vedremo qualcosa. Anche se tra i commenti c’ è chi fa giustamente notare che, con bundle di giga ancora più generosi, buona parte della popolazione potrà rinunciare tranquillamente alla rete fissa, usando gli hotspot dai dispositivi mobili. Limitante ma certamente sempre più possibile e anche frequente.

Sono le ultime due opzioni del sondaggio che, evidentemente, poco coinvolgono gli utenti. Le offerte con smartphone incluso. Iliad su questo fronte non primeggia e non sembra impegnarsi più di tanto. E per i clienti della sorellina di Free Mobile, tutto sommato, va bene così.

E, come detto, anche il 5G può attendere. Meglio, per i clienti di Iliad, impegnarsi nel miglioramento del 4G+, standard che in termini qualitativi ha ancora tanto da offrire.

Ma è davvero così basso l’interesse degli utenti italiani per la quinta generazione? Se così fosse, le compagnie, che tanto hanno puntato su questa evoluzione della telefonia mobile, sarebbero davvero nei guai.

Potete continuare a votare il sondaggio e a discutere i nostri post, scaricando l’app UpGo.news. Se siete fan di Iliad e appassionati di telefonia mobile, non perdetela.

E intanto TIM porta il 5G al Meeting di Rimini

Quarantesima edizione del Meeting di Rimini dove quest’anno si parlerà anche di innovazione. E ci sarà TIM che punterà tutto, appunto, sul nuovo standard 5G. Secondo quanto riporta Corcom, Tim, main sponsor della manifestazione, spiegherà ai presenti le importanti rivoluzioni possibili grazie al 5G.

Dalla medicina, al turismo e agli altri mille impieghi della realtà aumentata, passando per lo sconfinato universo del gaming, presidiato anche da Tim con il marchio TimGames.

In arrivo Spusu, nuovo MVNO

Spusu gestore telefonico

Ultimo piccolo aggiornamento in chiusura, dal mondo questa volta degli MVNO. Tempo fa vi avevamo riportato puntualmente le prime voci sull’arrivo di un nuovo gestore telefonico. Un virtuale dal nome Spusu. I colleghi di HDBlog hanno individuato nuove tracce di un debutto che ormai sembrerebbe prossimo.

Sul sito di Tiscali.it infatti, Spusu è già selezionatile tra i gestori di provenienza per la portabilità del numero. Nell’elenco operatori appare oggi Mass Response Services, società proprietaria del brand Spusu.

Nome strano, in effetti, che non è detto venga alla fine adottato anche per il nostro Paese. Il lancio di Spusu, gestore low cost che in Austria ha ottenuto grandissimo successo, dovrebbe avvenire entro il 2020.

11 COMMENTS

  1. Credo che la cosa più importante è che iliad faccia presto nuove tariffe perchè ormai la sua di tariffa è stata emulata da altri gestori se non migliorata.per esempio manca anche una sim dati con tanti giga.

  2. Ma invece di pensare al 5G sarebbe meglio se ampliassero la copertura della fibra in Italia e proponessero delle offerte a riguardo, nel mio paese l’hanno messa in posa da due anni e verificando la copertura sul sito Tim, l’unica offerta disponibile è l’ADSL. Vergogna!

  3. Salve, io sono tra i fortunati dove Iliad funziona e viaggia bene, vado sempre da 30 fino a 70 mbps (antenna Wind), secondo me, il risulatato del sondaggio va “inquadrato” nel periodo attuale. In questo periodo la maggior parte degli utenti vogliono una rete che funzioni, stabile e con una buona velocità fino a 100 mbps, per questo preferiscono la diffusione della rete proprietaria 4G/4G+ rispetto al 5G, la verità è che le due cose sono collegate, perchè senza la rete proprietaria, il 5G non può arrivare. Quindi prima ci sarà la diffusione delle rete proprietaria in tutto il paese e poi sicuramente arriverà il 5G che è il futuro, così avremo finalmente una bassa latenza anche nella rete mobile. Riguardo le tariffe, io sarei per rimuovere il piano da 40 gb e riproporre il piano da 30 gb e quello da 70 gb, cioè: 30gb 5,99€, 50gb 7,99€ e 70gb 9,99€, oltre ai tre piani, più avanti, quando la rete proprietaria sarà ultimata, sarei molto felice, se venisse introdotto un piano solo dati e flat. Inoltre sarei contento anche di un accordo con open fibra, per tutti quelli che avrano la possibilità di attivarlo, per me sarà quasi impossibile, perchè abito a più di 500 metri dalla strada statale, quindi niente fibra o fibra mista a rame (nel mio paese c’è la fttc Tim, ma io abito troppo lontano). Riguardo Spusu, se controllate le varie tariffe proposte in Austria, noterete che c’è un piano a 19,90€ solo dati, flat, ma limitato a 30 mbps

  4. Tanti di noi non capiamo, ancora, cos’è e come funziona questo 5G. Serve una campagna informativa molto ampia per informare la gente e poi fare un sondaggio.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here