Bancomat, è scattata l’allerta in tutta Italia: ecco cosa succede

Moltissimi di voi si saranno già accorti che numerosi sportelli di prelevamento nelle vostre città sono stati rimossi. Sono in pochi, però, a conoscerne le motivazioni. Nelle prossime righe di questo articolo, parliamo di debancarizzazione, un fenomeno che sta colpendo rapidamente tutta l’Italia. Capiamo di cosa si tratta e perchè questo accade.

Partiamo col dire che la debancarizzazione, di per sé, è quel fenomeno che implica la progressiva e costante privazione di un ente bancario. Anche molte filiali, infatti, stanno subendo lo stesso trattamento riservato ai Bancomat. La motivazione è, in realtà molto semplice: la tecnologia avanza e fa passi da gigante; questo sta portando numerosi istituti di credito a rimuovere le loro filiali fisiche in favore dell’Home Banking. I risparmi, chiaramente, sarebbero importanti, dall‘energia elettrica alla carta, dalla cancelleria a numerosi dispositivi come computer, periferiche e varie attrezzature aziendali.

Con le possibilità che abbiamo oggi di monitorare i nostri conti correnti dai nostri smartphone, e portare a termine numerose operazioni proprio attraverso i telefoni; le filiali fisiche non si rivelano più necessarie come lo erano una volta. Anche gli sportelli di prelevamento come numerosi Bancomat, allo stesso modo, stanno diventando obsoleti, e le ragioni principali sono diverse; vediamo quali.

Perchè i Bancomat sono sempre più rari?

Le motivazioni, come dicevamo, sono diverse. La prima, è che molte più persone sono sempre più solite effettuare pagamenti con la carta ed il bancomat, a sfavore del contante. La seconda, che si collega strettamente alla prima, sta nel fatto che nella maggior parte dei casi non abbiamo affatto bisogno di prelevare. Potrà sembrarvi una ragione banale, ma se ci riflettete un momento, noterete come sin da quando i nostri stipendi sono accreditati tramite bonifico, e molti più locali accettano il pagamento tramite pos, noi, di fatto, non abbiamo la necessità di portarci contanti dietro. 

Numerosi esperti, di fatti, anche in relazione all’avanzamento nel settore dei pagamenti digitali a cui stanno vertendo molti paesi, stimano che, anche in Italia, il contante non esisterà più. Nel giro di una decina d’anni, infatti, ogni genere di pagamento potrebbe essere effettuato cashless.