Iliad nemico numero uno

Sei un fan e cliente di Iliad? Vuoi seguire da vicino il quarto operatore mobile ed entrare nella community italiana? Scarica subito la nostra app.

Scarica App UpGo.news

La strada di Iliad verso un totale consolidamento è ancora lunga e non facile ma come abbiamo avuto modo di scrivere e ripetere moltissime volte, i requisiti ci sono tutti.

Il marchio di fabbrica è quello della trasparenza, della semplicità e delle offerte certe, con la sicurezza totale di non subire improvvisi aumenti nel giro di un anno se non di meno. E anche la possibilità di poter contare su una rete che per quanto non sia ancora completa ha un’ottima copertura nazionale grazie al ran sharing con Wind Tre.

E mentre anche Wind Tre prosegue il consolidamento della sua rete unica (di cui beneficerà anche Iliad) la rete proprietaria dell’operatore che arriva dalla Francia prosegue il suo viaggio verso l’espansione su tutto il territorio nazionale anche se con diversi intoppi qua e là.

NUOVI IMPIANTI ILIAD IN TUTTA ITALIA

Nuovi impianti della rete proprietaria Iliad sono stati accesi e resi già operativi nelle ultime settimane e ad oggi ammontano a oltre 500 in totale in tutta Italia.

Si è partiti inizialmente da Milano e Roma, quindi la provincia di Monza proseguendo poi con Torino e provincia, Asti, Verona e provincia, Padova, la città metropolitana di Venezia, Vercelli, Alessandria, Novi Ligure, Casale Monferrato, la città metropolitana di Bologna, Rimini, Genova, Modena, Ferrara e Imola.

Scendendo poi sempre più giù partendo da Firenze poi Roma, Prato, Napoli, Taranto e Bari (con oltre 30 impianti attivi).

Ricordiamo inoltre che Iliad ha distribuito su una serie di stabilimenti balneari sparsi per lo stivale le sue amatissime Simbox, i totem automatici da cui poter acquistare una nuova sim Iliad.

Intanto se i lavori di consolidamento della propria rete stanno procedendo tutto sommato a gonfie vele, abbiamo avuto conferma proprio in questi giorni che dopo la lamentela della chiesa nel comune di San Benedetto del Tronto nelle Marche.

In questo comune Iliad avrebbe dovuto piazzare una serie di nuovi impianti tra rete proprietaria e quelli dismessi da Wind Tre distribuendoli su 14 aree del territorio opportunamente individuate.

Ebbene qualcosa é andato storto, nonostante in queste zone da tempo ci siano già impianti installati dagli altri operatori telefonici.

Una delle antenne doveva essere installata sulla torre della chiesa di San Benedetto Martire, ebbene il parroco e altri residenti della zona si erano uniti cercando di bloccare i lavori.

Per ora sembra niente impianto su questa Chiesa ma nella zona i lavori proseguono comunque a gonfie vele.

Contro Iliad però non ci si è messo solo il parroco ma anche l’associazione Ambiente e Salute che ha chiesto di approfondire meglio la questione emissione onde elettromagnetiche. Insomma ci risiamo, si vuole proprio continuare ad alimentare preoccupazione.

Preoccupazione che a quanto pare attanaglia anche alcuni abitanti del comune di Tribano in provincia di Padova dove per il momento sembra che il 5G non lo vogliono, forse sono molto affezionati al 4G e non lo vogliono mollare!

In poche parole il sindaco di Tribano ha letteralmente chiuso al 5G perché ritenuto appunto potenzialmente pericoloso. “Prima i cittadini di Tribano!” Verrebbe da pensare.

La scelta sembra per ora solo di cautela in attesa di ulteriori studi e verifiche sulla potenziale pericolosità delle emissioni derivanti dal 5G.

Entra nel Forum Iliad

KENA MOBILE RILANCIA IL GUANTO DI SFIDA A ILIAD

Intanto, il quarto operatore mobile pur continuando deciso il suo percorso e pur continuando a riproporre le medesime offerte ormai da mesi ma pur sempre imbattibili, deve anche districarsi dalle sfide continue lanciate dalla concorrenza.

In questi giorni è toccato nuovamente a Kena Mobile, l’operatore mobile virtuale di TIM che ha lanciato l’offerta Kena Summer dedicata proprio a ex clienti di Iliad e altri operatori virtuali ad eccezione di ho.Mobile.

Kena Summer offre minuti e sms illimitati verso tutti, 50 Giga di internet mobile in 4G al costo mensile di 5,99 euro. Costo della sim 5 euro, nessun costo di attivazione, sim spedita direttamente al proprio domicilio. La velocità di internet non va oltre i 30Mbps.

Escludendo dall’offerta gli ex clienti di ho.Mobile sembra molto chiaro l’intento di TIM, almeno attraverso la strategia commerciale del proprio MVNO non vuole calpestare i piedini al concorrente MVNO di Vodafone, proprio ora che stanno per ultimare i termini per l’accordo di condivisione di rete 5G tra TIM e Vodafone.

Iliad intanto continua a proporre l’offerta Giga 50 che offre minuti e sms illimitati verso tutti, 50 Giga di internet mobile in 4G e 4G+ al costo di 7,99 euro per sempre e per davvero. Costo nuova sim 9,99 euro.

4 COMMENTS

  1. io penso che all’improvviso questi fake secondi gestori tipo “ho” e “kena” avranno una rimodulazione, tutti i polli che ci sono cascati saranno bene cotti😂, prima che venisse iliad ci hanno derubato tim e vodafone con costi nascosti e rimodulazioni, il lupo perde il pelo ma non il vizio, io da quando ho iliad sto veramente bene, non ho avuto mai problemi perché si pubblicizza con la sua onestà (per sempre senza rimodulazione).

  2. Purtroppo trovano sempre dei polli da spennare ma prima o poi si sveglieranno. Sono passato da Vodafone a iliad da 15 gg e già mandano sms con offerte mirabolanti. Mi chiedo…quanto sono fessi prima a rimodulare da 10€ a 12€ i 30gb con tutto illimitato che stavo accettando malvolentieri, per offrirmi poi 50gb a 7 € che naturalmente non accetterò mai trovando il tutto scorretto e come una presa per il …o. qualcuno direbbe che la demenza umana non ha limiti, io semplicemente dico ciao ciao vodafone arrivederci a mai più.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here