Portabilità problematica da Fastweb Mobile a Iliad. Se ne sta parlando insistentemente sulla nostra community Facebook dei fan di Iliad. Un tentativo di ostracismo da parte del gestore che forse più di tutti ha ostacolato l’arrivo dei francesi? No, a quanto pare. Ma un semplice quanto antipatico errore nella richiesta di portabilità del proprio numero.

Da Fastweb a Iliad
Problemi con la portabilità da Fastweb ad Iliad. Passare da Fastweb ad Iliad è possibile? Certo che sì. Ma ecco la verità sulle portabilità rifiutate di questi giorni.

Passare da Fastweb Mobile a Iliad è possibile?

Certamente sì. Ovviamente si tratta di un diritto dato a ciascun consumatore che di fatto è possessore esclusivo del proprio numero mobile. Non è quindi possibile, per un operatore mobile, rifiutare la portabilità salvo che questa sia stata richiesta con dei vizi di forma. Quindi in maniera scorretta o parziale.

E sarebbe proprio questo il caso delle tante segnalazioni di difficoltà che stiamo riscontrando tra i clienti che hanno scelto Iliad provenendo da Fastweb Mobile.

Fastweb Mobile è un gestore virtuale che si appoggia, per offrire il proprio servizio, all’infrastruttura di TIM. Nella sua storia però, esordì sotto rete 3 Italia in qualità di ESP MVNO. Un virtuale, privo di rete ma anche di sim che infatti venivano emesse direttamente da 3 ITALIA con il brand personalizzato di Fastweb.

Parliamo dei primi anni del mercato dei virtuali qui in Italia. Poi Fastweb fece come altri il salto verso l’indipendenza diventando full MVNO, ovvero emettendo direttamente le proprie sim. Di fatto Fastweb ha quindi operato sul mercato con due differenti infrastrutture tecnologiche. E di fatto quello ESP e quello FULL sono due operatori distinti, entrambi appartenenti a Fastweb. Da questa situazione un po’ complicata derivano, a quanto pare, le difficoltà riscontrate dagli utenti intenti al passaggio verso Iliad.

E quindi, cosa è successo??

Sul sito Iliad, durante il processo di acquisto, appare il menù a tendina dove indicare il gestore di provenienza. Esistono come detto due Fastweb, quello full (al quale probabilmente oggi appartengono quasi tutti i clienti Fastweb) e quello esp (quello basato sulla precedente piattaforma in roaming su 3).

Probabile che i clienti ai quali è stata rifiutata la portabilità abbiano erroneamente indicato “Fastweb Mobile ESP” come gestore di provenienza mentre avrebbero dovuto indicare semplicemente “Fastweb Mobile”.

L’errore di compilazione ha dato quindi la possibilità a Fastweb di rifiutare la portabilità in uscita. Ed è ovvio che i gestori siano attenti ad ogni piccolo particolare, quando sul piatto c’ è la perdita di un cliente.

Ecco che quindi consigliamo ai clienti Fastweb che vogliono passare ad Iliad di essere particolarmente attenti nel momento in cui si deve indicare il gestore di provenienza. Chi ha visto rifiutata la portabilità potrà comunque, nei prossimi giorni, ripetere la richiesta, senza ovviamente alcun costo aggiuntivo, direttamente nella propria “Area Personale” del sito Iliad.it. In attesa della portabilità resta attivo e funzionante il numero Iliad provvisorio.

Speriamo di essere stati esaustivi e di aver fatto chiarezza su questa problematica. Come sempre, noi di 4fan.it restiamo al servizio dei clienti e dei fan di Iliad. Se volete fare domande o commentare questo articolo potete utilizzare l’apposito spazio più in basso oppure cliccare il nostro ILIAD FAN GROUP su Facebook. Alla prossima.

1 COMMENT

  1. Problema facilmente attenuabile sul sito Iliad, con una semplice modifica all’elenco degli operatori di proveniensa: basterebbe aggiungere una data per distinguere le due fasi di attività dell’operatore come eps/full mvno. In questo modo gli utenti potrebbero avere un indizio per capire quale voce selezionare in base alla data in cui hanno attivato la sim Fastweb (se la ricordano, almeno approssimativamente). Il menu a tendina potrebbe presentare le voci relative nel seguente modo:

    —————————————–
    OPERATORE PINCO (placeholder)
    —————————————–
    FASTWEB ESP
    (SIM attivate fino al XX/XX/XXXX)
    —————————————–
    FASTWEB FULL
    (SIM attivate a partire dal YY/YY/2017)
    —————————————–
    OPERATORE PALLO (placeholder)
    —————————————–

    La migrazione dalla rete Tre a quella TIM era prevista a partire da gennaio 2017 (fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Fastweb#Telefonia_mobile_(Fastweb_Mobile) ) .

    Ma in fondo si dovrebbe capire con una verifica sul numero seriale della sim (codice iccid), sarebbe opportuno che uno script nella pagina verificasse la corrispondenza tra il codice operatore (MNC) presente nel seriale ICCID e l’operatore selezionato, segnalando un eventuale errore e suggerendo un valore corretto.

    Però a questo punto si può anche suggerire all’utente una semplice verifica sul numero iccid da inserire: se la scheda è stata emessa da Fastweb in qualità di full mvno, allora il suo codice ICCID dovrebbe cominciare con:

    893908…

    mentre le schede usate come esp mvno, essendo state emesse da h3g (dato che si appoggiava alla rete 3 anche per l’emissione delle sim) dovrebbero avere un ICCID che comincia con:

    893999…

    (a seconda del modo un cui viene recuperato il codice ICCID, potrebbe “spuntare” uno zero in più da qualche parte, ad esempio: 8939008…)

    Inoltre, a meno di portabilità varie, anche i prefissi telefonici sono diversi: 373- per le sim di fastweb esp, 375-5 o 375-6 per quelle di fastweb full.

    La scelta errata dell’operatore di provenienza tra fastweb esp e fastweb full, comunque, è un pò più complicata di un vizio di forma: se ci fossero ancora in circolazione sim del “vecchio” tipo (quelle emesse da tre) allora sarebbe necessario coinvolgere WindTre nell’esecuzione della portabilità, mentre per le “nuove” gli attori coinvolti dovrebbero essere fastweb (in qualità di donating) e forse anche tim (in qualità di ospitante donating).

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here