Non solo Iliad Italia. Con la nuova Legge di Bilancio il Governo uscente intende incassare più di 3 miliardi di euro. Una gara che aprirà il mercato italiano a nuovi gestori infrastrutturati. E in pole position c’ è Fastweb, rimasta a bocca asciutta dopo l’ accordo tra Wind Tre e Iliad Telecom.

Fastweb quinto operatore grazie al 5G
Fastweb studia per diventare operatore infrastrutturato, quindi dotato di propria rete anche nel mobile. Nel 2020 la sfida, dopo il debutto di Iliad, potrebbe diventare a cinque.

Fastweb sarà il quinto gestore italiano di telefonia mobile. E lo diventerà grazie al 5G. Insomma, non sarà solo Iliad ad entrare nello strategico mercato e a dare fastidio a Tim, Vodafone e Wind 3.

Fastweb diventerà gestore mobile con propria rete, con tutta probabilità, a partire dal 2020, quando in Italia potrebbero essere commercializzati i primi servizi 5G. Ad annunciarlo oggi l’ AD del gruppo telco, entusiasta delle sperimentazioni autorizzate dal MISE.

Non è piaciuta a Fastweb la decisione di Wind Tre spa di lasciare parte delle frequenze a Iliad, consentendone di fatto l’ entrata nel mercato italiano. In quella gara, partecipò anche Fastweb anche se ancora oggi non sono noti i termini economici degli accordi. Di sicuro c’ è che Fastweb ha fatto appello alle autorità europee contestando nella forma e nella sostanza la decisione presa dalla joint venture di Veon e Hutchinson.

Alla fine, ormai è storia, tra Iliad e Fastweb, quelli di Wind Tre preferirono i francesi. Fastweb era, allora come oggi, fortemente interessata ad entrare nel mobile come operatore infrastrutturato. Ad oggi è comunque presente ma nella sola difficile posizione di operatore mobile virtuale su rete TIM, controllando quasi ogni aspetto tecnologico in qualità di full mvno.

Fastweb come quinto operatore mobile nazionale

Oggi la possibilità di dotarsi di una propria rete si riapre. Come riportato dai colleghi di UpGo.news in questo articolo, Fastweb è tra le compagnie telefoniche protagoniste della sperimentazione 5G avviata e coordinata dal Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) del Governo Italiano.

Si sta lavorando in cinque città già dalla fine dell’estate, per costruire una rete 5G di test. Nel progetto ci sono tutti i gestori mobili del Paese. Wind Tre sta realizzando una rete 5G a Prato. Vodafone nella città di Milano. Tim e Fastweb a Matera e a Bari.

Tra i soggetti coinvolti nella sperimentazione, Fastweb è l’ unica, come sottolineato dall’ AD Calcagno a non possedere (ancora) una propria rete mobile.

Insomma, il 5G per Fastweb non sarà solo una tecnologia migliore e ancora più performante ma costituirà il vero debutto nella telefonia mobile con una rete propria, autonoma e indipendente. Un quinto soggetto infrastrutturato nel sempre più concorrenziale mercato della telefonia mobile.

Grazie a Fastweb, Bari e Matera diventeranno due grandi laboratori della sperimentazione 5G. Comunicazioni veloci ma anche test di smart city, intelligenza artificiale e industria 4.0.

Anche OpenFiber diventerà operatore mobile con il 5G

Probabile la partecipazione anche di Open Fiber alla prossima asta per l’ assegnazione delle frequenze 5G. OpenFiber pare però intenzionata a proseguire il proprio percorso da gestore full wholesale. In pratica OpenFiber proseguirà il proprio percorso, anche nel 5G che oggi la vede assoluta protagonista nel solo mercato all’ingrosso. Così come per la fibra ottica, anche per il 5G, OpenFiber si occuperebbe esclusivamente di rivendere capacità trasmissiva ad altri soggetti interessati senza sviluppare una propria offerta commerciale B2C (diretta ai consumatori).

Se queste prospettive dovessero verificarsi, avremmo 5 gestori con rete 5G propria: Tim, Vodafone, Wind 3, Iliad e Fastweb ed un operatore che farà da polo di riferimento per il mercato, ad esempio, degli MVNO.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here