Home » HO Mobile » Ho Mobile, c’è un aspetto che ci convince poco. Vi spieghiamo quale

Ho Mobile, c’è un aspetto che ci convince poco. Vi spieghiamo quale

Ho Mobile cambio ICCID e problemi

Nei giorni scorsi Ho Mobile ha messo l’acceleratore individuando una soluzione tecnologica per ovviare al problema gigantesco dell’ hackeraggio subito. Una soluzione che risolve parzialmente la situazione ma che tutto sommato potrebbe esporre ad altri problemi. Vi ricordiamo ancora una volta che potete seguire 4Fan.it anche su Telegram, per essere proprio sicuri di ricevere tutti i nostri aggiornamenti e commentare insieme al resto della community i nostri post. Già 11mila utenti sono iscritti al nostro Canale Telegram raggiungibile cliccando qui.

Ho Mobile. Un punto debole nella soluzione del cambio ICCID

Cosa ha fatto Ho Mobile nelle ultime ore per mettere una toppa alla grossa falla di sicurezza? I tecnici di Vodafone, dalla quale Ho Mobile dipende interamente per mezzo di “Vei – Vodafone Enabler Italia”, hanno reso possibile qualcosa di completamente inedito nella telefonia italiana: il cambio in remoto del codice unico della SIM. Il cosiddetto ICCID.

Tale soluzione consente di ovviare  alle lunghissime file che si erano create presso i rivenditori Ho Mobile. Tantissimi clienti del gestore low-cost avevano infatti provato la via del cambio fisico della SIM, incontrando però diverse difficoltà. In poche ore dall’ufficializzazione della problematica tutti i rivenditori avevano terminato le proprie scorte, mettendo in crisi il sistema.

Banner Iliad 120 Giga

 

Così dopo poche ore, Ho Mobile tira fuori dal cappello il coniglio tanto atteso: per sostituire l’ICCID non serve più andare in negozio ma basta un semplice SMS di richiesta o una telefonata al supporto tecnico di Ho.

La sostituzione online del codice ICCID impedisce di fatto utilizzi ulteriori da parte dei pirati informatici che attraverso il codice della SIM potrebbero provare ad entrare in possesso di ulteriori dati sensibili dei clienti. Un rischio concreto, confermato dalla stessa compagnia telefonica.

Il cambio da remoto potrebbe difficoltà nelle portabilità

Come detto di una pratica nuova e che come tale potrebbe evidenziare problematiche inedite. Attraverso il cambio del codice on-line i clienti Ho Mobile si troveranno oggi con un codice ICCID stampato sulla sim, diverso da quello effettivamente utilizzato, creando non poca confusione all’atto di una eventuale portabilità futura.

Portabilità bloccate nel passaggio a Iliad

Iliad, come abbiamo già scritto, è probabilmente il gestore che ha ricevuto più richieste di passaggio da Ho Mobile in questi giorni di incertezze e di fughe. Ed alcuni clienti ci segnalano proprio qualche pasticcio nelle richieste di portabilità da Ho ad altro operatore. Qualcuno infatti, a portabilità già inoltrata, avrebbe effettuato il cambio di codice ICCID come indicato da Ho. Un’operazione che però avrebbe logicamente causato il KO del processo.

Insomma, il cambio ICCID in assenza di informazioni chiare nei confronti di un’utenza non sempre esperta, sta causando anche qualche danno. Ovviamente si stratta di una soluzione d’emergenza. E va dato atto a Vodafone di aver messo in piedi una bella macchina per contenere i danni di un attacco informatico enorme. Ma è anche importante che vengano messe in pratica tutte le buone pratiche essenziali ad un’agevole mobile number portability per tutti gli utenti. A beneficio del mercato e dei consumatori. E questo ICCID variabile, potrebbe rappresentare un ostacolo. Speriamo che Ho chiarisca ancora meglio questo punto, aiutando i propri utenti ora e nel futuro.

E voi, cosa ne pensate? Come sempre ora su 4Fan.it e sul Canale Telegram è il momento della discussione e del confronto. Vi ricordiamo che per scrivere qui sotto non c’è bisogno di alcuna registrazione. Cosa ne pensate di questa mossa di Ho Mobile?

Nelle puntate precedenti di 4Fan.it:

30 commenti su “Ho Mobile, c’è un aspetto che ci convince poco. Vi spieghiamo quale”

  1. Leggo commenti scritti senza alcun criterio e peggio ancora non conoscendo alcuni passaggi. Ho rimane a mio avviso il migliore operatore low cost, questo furto di dati poteva succedere a chiunque, e a prescindere da tutto ciò, i nostri dati sono certo che sono in balia di chiunque, figuriamoci!

    Rispondi
  2. Non capisco perché dopo 4 giorni senza poter usare internet con ho essendo cliente, dal call center mi risponde che nella filosofia di ho non ci sono abbuoni per i giorni che non ho potuto usare telefono e internet. Adolfo C.

    Rispondi
  3. c’è un errore nell’articolo, ho mobile non ha dato possibilità di cambiare seriale inviando un sms bensi, ha cambiato seriale a tutti dal giorno alla notte, e quindi tutti quelli che avevano chiesto la portabilità in uscita si sono ritrovati con la richiesta negata, e questo dopo diversi giorni di attesa, visto che anche con i dati in regola, per uscire da ho., ad oggi il tempo di attesa è di circa 4gg lavorativi, oltre le canoniche 48h che ci vogliono normalmente, quindi bisogna attendere sms di portabilità negata per poi rifare di nuovo la richiesta

    Rispondi
  4. A LycaMobile è andata anche peggio. Oltre ai dati personali pure le copie dei documenti (fotocopie degli originali).
    -> https://www.tuttoandroid.net/news/lycamobile-data-breach-privacy-748156/
    E, stranamente, non c’è stato tutto il trambusto mediatico che ha investito Ho Mobile.
    Lavorando nel campo della sicurezza informatica posso garantirvi che una fuga di dati personali è possibile ovunque e a qualsiasi livello.
    Soprattutto quando l’accesso alle informazioni è disponibile ad una platea di utenti decisamente vasta.

    Rispondi
  5. Che discorsi, ovvio che se cambi ICCID o sim prima che la portabilità sia conclusa, questa non avrà successo.
    Basta richiedea, in caso, col nuovo seriale.

    Rispondi
  6. Spero di non essere l’unico a condividere lì tuo pensiero. Ho una brutta esperienza dei “colossi”. Benvenga ho mobile.

    Rispondi
  7. Ho.mobile eroga un sevizio impeccabile alla pari di Vodafone. Un furto, è grave, ma può capitare come giustamente si segnala, non capisco veramente il commento di chi parla di sottomarche e preferisce pagare tre volte tanto per lo stesso servizio….non so chi si fa prendere in giro. Comune per informazione ho.mobile ha provveduto ha cambiare già i codici SIM dandone comunicazione via SMS.

    Rispondi
  8. Forse non è chiaro che ho ha modificato in piena autonomia, senza richiesta degli utenti, l’iccd. Difatti le 3 portabilità che ho richiesto verso altri gestori sono state rifiutate perché, nel frattempo, ho mobile ha effettuato il cambio.

    Rispondi
    • Pari salverà il tuo problema puoi installare un piccolo programma di pochi Mega che ti leggi il tuo iccd viene utilizzato solitamente dai clienti che perdono la tesserina con sopra il proprio codice di portabilità è un programma che può fare al caso tuo

      Rispondi
      • è proprio questo il problema, il seriale cambiato da ho. non lo vedi tramite app, xk le app leggono quello della sim
        ho mobile ha solo cambiato i seriali necessari per le portabilità, e viene richiesto solo inviando sms al numero indicato da ho.

        Rispondi
  9. I dementi però hanno cambiato il iccd anche alle schede sostitutive… Quindi di fatto vanificando l’attesa di ore per entrare in negozio secondo le normative anticovid.
    Inoltre bloccando la portabilità verso gli altri operatori. Ad oggi sono 6 gg che aspetto la portabilità a vodafone e non è arrivato nessun messaggio neanche di avviso.
    Il rivenditore vodafone presso il quale ho effettuato l’operazione di portabilità non risponde manco a morire…
    Ergo maledico di essermi fidato di ho.

    Rispondi
  10. Dal 5gennaio sono passato a Tim il 7gennaio la scheda Tim era attiva ad oggi 14gennaio non ho ancora avuto la portabilità del numero, ovviamente da Ho a Tim.
    Inviati 4SMS ad Ho per il cambio di seriale,mi rimandano sempre il mio vecchio.

    Rispondi
  11. Questa soluzione tampone, spero serva per sostituire con calma le sim fallate, altrimenti in tempi di calma,molti clienti HO ,lasceranno per fornitori che hanno rispetto per i dati dei loro abbonati.

    Rispondi
  12. Non qualcuno avrebbe effettuato il cambio di codice ICCID ma Ho stessa. Io ho in corso la portabilità del numero probabilmente bloccata con questo pretesto ma sia me che a Iliad non viene comunicato il rifiuto, per potere rinnovare la richiesta di portabilità. Aggiungo che il codice che dovrebbe valere è quello posseduto il giorno della richiesta, nel mio caso il giorno 8. La rigenerazione mi è stata comunicata circa 24 ore dopo. Un vero capolavoro, di che cosa giudicate Voi.

    Rispondi
  13. Ho richiesto mnp out verso Iliad dopo la notizia del data leak e senza cambio di iccid preventivo, richiesta rifiutata ieri.
    Oggi richiesto iccid “virtuale” e richiesta nuovamente portabilità iliad, attendo esito.
    Se continuano a negarlo passo da Conciliaweb (ma nel frattempo gli infami mi hanno fatto passare i 14gg per il recesso).

    Rispondi
  14. Mah!!
    L’informazione che hai dato non è corretta carissimo,il numero seriale lo si può sempre ricevere.
    Non ti spiego come fare per evitare problemi di ogni tipo.
    Occhio a cosa scrivete perché potreste avere querele da parte dei gestori telefonici.
    Non sono un tecnico e non lavoro in quel campo.
    Di portabilità ne ho fatto dal 2000 una paccata.

    Rispondi
  15. QUANTE PALLE SU ho VA BENISSIMO È LA MIGLIORE E PIU SERIA SOCIETÀ PARLATE COSÌ X INVIDIA E X RUBARGLI I CLIENTI PER IL PREZZO PIÙ BASSO E ALLORA VI INVENTATE CAZZATE.

    Rispondi
  16. I clienti sono stati adeguatamente e con trasparenza informati attraverso un messaggio molto chiaro in merito alla procedura di cambio del numero seriale della SIM da remoto, in questo messaggio è contenuto un numero di telefono da poter chiamare per poter avere il nuovo codice seriale della Sim. Per quanto riguarda la portabilità sono gli altri operatori che stanno facendo ostruzionismo verso Ho mobile e non il contrario. Prima di scrivere inesattezze informatevi bene.

    Rispondi
    • Non direi proprio! Ho mi ha comunicato di avere effettuato il cambio del seriale della SIM ma se lo verifico con le varie APP che lo leggono mi appare sempre il vecchio seriale ed Ho mi ha detto di stare tranquillo.Ma se il mio telefono si presenta alla rete con il vecchio ICCD rimango sempre a rischio clonazione.

      Rispondi
  17. Io ho registrato il nuovo ICCID sul mio memorandum e tutto procede come se nulla fosse successo. Tutta l’operazione si è svolta direttamente da HO.

    Rispondi
  18. Sottomarchi? Forse ci si è già dimenticati che un anno fa la stessa cosa è successa con Tim? Furto interno di dati? Bei commenti senza sapere…

    Rispondi
  19. Sotto marchio Iliad?
    Ma perchè iliad va bene?
    Non prende neanche a calci l’ho fatta a moa madre,ogno tanto sparisce il segnale e l’assistenza clienti mette tremila scuse,costretto ad riavviare il cel e non sempre il segnale torna,
    Anche se Ho Mobile è un sotto marchio di Vodafone È molto migliore di Iliad…Felice Possessore di Ho mobile che funziona benissimo

    Rispondi
  20. Si può avere il nuovo iccd mandando un sms con scritto seriale e lo si comunica al nuovo operatore x la portabilità

    Rispondi
  21. Non ho nessun dispiacere per quei poveri illusi che si affidano a Sottomarche credendo in affari strepitosi. Se Tim e Vodafon oltre a wind3 si permettono di mettere in campo questi sottopodotti per rientrare nei profitti ben vengano pure queste fregature. Mi auguro che i loro clienti capiscano che vengono presi per i fondelli. Se Iliad presenterà un sottomarchio, penso che mi arrabbierei molto.

    Rispondi
    • Sottomarche? e quali sarebbero le differenze tra Iliad ed Ho? Chi subisce un furto dei dati è una sottomarca? Ti ricordo che qualche settimana prima è stato attaccato Google con furto di milioni di account e non mi sembra che sia una sottomarca. In qualsiasi caso fai bene a pagare 15-20 euro al mese con un colosso delle comunicazioni al quale non rubano i dati ma li vende senza il tuo consenso.

      Rispondi
      • Grande risposta! Totalmente d’accordo. E nulla mi toglie dal pensiero che sarebbe potuto accadere anche agli operatori classici.

        Rispondi

Lascia un commento