In molti sulla nostra pagina Facebook ci stanno scrivendo per avere maggiori informazioni su quella che sarà la copertura del nuovo quarto gestore Ho Mobile di Iliad.

Copertura Ho Mobile
La copertura in Italia del gestore Ho Mobile. Rispondiamo alle domande più frequente sul tema della copertura del nuovo operatore di Iliad.

Gli utenti meno esperti, stanno facendo sicuramente un po’ di fatica a distinguere Ho Mobile, come gestore infrastrutturato, rispetto ai tanti MVNO presenti sul mercato italiano.

In questo post cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sul tema della copertura di Ho Mobile, rispondendo ad alcune domande frequenti. Chi ci segue da un po’, vedrà che sono informazioni che abbiamo già diffuso in diversi post.

Cerchiamo però di fare un po’ il punto, chiarendo le idee a tutti i nostri lettori.

Ma Ho Mobile ha una sua rete?

Assolutamente sì. Rispondiamo subito alla domanda principale, che distingue nettamente, come detto, Ho Mobile di Iliad dai gestori MVNO (operatori virtuali). Mentre gli MVNO, come ad esempio Kena Mobile o Fastweb Mobile utilizzano la rete di qualche altro operatore infrastrutturato, Ho Mobile ha le licenze utili per coprire direttamente il territorio nazionale.

Ho Mobile coprirà utilizzando propri Node B, in 3G e 4G. In molte aree utilizzerà l’ accordo di ran sharing con Wind Tre. Il ran sharing permette a Ho Mobile di emettere il proprio segnale anche da postazioni già operative di Wind Tre.

In questo modo Ho Mobile è in grado di estendere molto rapidamente la propria copertura. Inoltre, fin da subito, Wind Tre cederà alcune antenne a Iliad Telecom. Già all’ esordio, Ho Mobile dovrebbe contare su circa 5mila antenne e quindi sulla copertura diretta e indipendente nelle grandi città italiane.

Nel resto del territorio, Ho Mobile utilizzerà un accordo di roaming nazionale con Wind Tre.

Ho Mobile si appoggia a Wind Tre?

Sì. Come detto sopra, Ho Mobile utilizzerà la rete di Wind Tre in un accordo di roaming nazionale della durata di circa 10 anni. Ma solo nelle aree non coperte direttamente dalla propria rete. In roaming nazionale, i clienti Ho Mobile potranno continuare a chiamare e navigare senza costi extra.

Quando sarà completata la rete Ho Mobile?

Impossibile dirlo ora. Sicuramente l’ accordo di Iliad con Wind Tre e fortemente incoraggiato dalle autorità europee alla concorrenza, permetterà una diffusione molto rapida del segnale di Ho Mobile. Gli accordi di condivisione dei siti consentiranno un processo di completamento della copertura, nettamente più rapido, ad esempio, di quello che ha dovuto affrontare negli anni H3G.

Gli investimenti di Iliad in Italia saranno davvero enormi. In Francia, sempre partendo come quarto operatore, Iliad è riuscita in pochi anni a rendersi quasi completamente indipendente dal roaming nazionale.

La rete di 3 sarà ceduta a Ho Mobile?

A seguito della fusione tra Wind e 3Italia, la nuova società si è accordata con Iliad per la cessione di alcune antenne ridondanti. Per capirci, sono le antenne di Wind e 3 superflue, perché utili a coprire le medesime porzioni di territorio. Quindi, come già detto, parte delle postazioni di Ho Mobile saranno prese in eredità da Wind e 3. Non è però corretto dire che la rete 3 sarà presa da Ho Mobile. Si tratta solo di una cessione parziale di alcune postazioni.

Quale è il codice di rete di Ho Mobile?

In quanto possessore di licenze nazionali per il 3G e il 4G, Ho Mobile possiede un proprio codice rete. E’ il 222-50. Noi di UpGo.news e 4fan.it siamo stati i primi a svelarvelo, grazie alle segnalazioni dei nostri utenti. Il codice di rete 222-50 è ricevibile nelle zone a copertura diretta e nelle aree in cui è presente il ran sharing con Wind Tre.

Quindi quale è la copertura di Ho Mobile?

Come minimo, la copertura di HO MOBILE è pari a quella di Wind Tre, visto che l’ accordo di roaming nazionale sarà totale, sia per le telefonate che per internet. Quindi se c’ è copertura di Wind è possibile utilizzare i servizi di HO Mobile / Iliad. Inoltre, come detto, nelle zone densamente abitate, il nuovo gestore utilizzerà la propria copertura diretta, in tecnologia 3G e 4G.

Ho Mobile ha il 5G?

Iliad ha già confermato il suo interesse per il nuovo 5G. Le frequenze però in Italia non sono state ancora assegnate. La gara si terrà con tutta probabilità nel 2018 e sarà indetta dal Governo Italiano. Solo al termine della gara sapremo se Iliad riuscirà ad assicurarsi le opportune licenze per le tecnologie 5G. L’ esordio del 5G in Italia è previsto tra il 2020 e il 2021. Quindi diciamo che è un po’ presto per parlarne.

7 COMMENTS

  1. Scusate, nonostante l’estrema chiarezza ho un punto ancora da capire. Cito: “Ho Mobile utilizzerà la rete di Wind Tre […] Ma solo nelle aree non coperte direttamente dalla propria rete”. Ecco, nelle aree coperte opererá da sola quindi, senza aiuti. Ergo non avrá la stessa copertura wind tre. Ci saranno posti sfortunati dove wind 3 prenderanno ma non Ho.

    • esatto.. funzionerà in questo modo: dove avrà propria rete, si tratta di ex antenne 3/wind cedute a loro quindi ci sarà copertura diretta “ho.Mobile” mentre su tutto il territorio dove non hanno copertura diretta si appoggeranno in roaming alla rete unificata WindTre ma senza costi aggiuntivi per l’utente .. no a livello di copertura non c’è nulla da dire.. quello che mi preoccupa è come la rete di WindTre possa reggere il carico di clienti Wind/3/Postemobile e adesso pure ho.Mobile! vedremo..

      • ‘quello che mi preoccupa è come la rete di WindTre possa reggere il carico di clienti Wind/3/Postemobile e adesso pure ho.Mobile! vedremo..’
        In parte è giusto, in parte sbagliato, ma sicuramente detto così non è chiaro il concetto.
        La rete di Wind 3 regge oltre che i suoi clienti anche quelli di PosteMobile e in futuro HO, ma bisogna specificare che i clienti non sono tutti provenienti da Vodafone e Tim, molti si sposteranno semplicemente da un brand all’altro, ad esempio da 3 ad HO, non variando il carico sulla rete.

        • .. non sono affatto d’accordo con quello che dici… anche perché la mole di clienti che una rete regge, ( lo spostamento di clienti tra un brand e l’altro è del tutto irrilevante trattandosi sempre della stessa rete) non è l’unico fattore determinante, ma ne esistono altri di fattori per così dire “esterni”soprattutto tra i quali la saturazione e la congestione della rete stessa per un uso ‘forsennato’ che se ne farà… e finora stiamo parlando solamente di clienti ‘ospitati’ sulla loro rete ma logicamente il loro obiettivo sono i clienti Tim e Vodafone quindi è del tutto inimmaginabile che la rete WindTre possa reggere il carico di tutti questi clienti, il tutto logicamente a discapito di una qualità sempre inferiore… ma logicamente se si vuole pagare poco non ci si può aspettare di avere una rete altamente performante

          • Ma la rete 3 per quanto mi riguarda nella mia citta ieri ho fatto uno speedtest ed andava a 79 mbts in down e 29 in up, normalmnete però va a 40, non credo che per alcuni clienti in piu rischi la saturazione

        • Timore fondato, ma non in pieno. Le 5.000 stazioni cedute a ho.mobile sono naturalmente dove c’è concentrazione, quindi la parte maggiore della “botta” è già arrivata con la fusione Wind Tre (e si è sentita). Di contro Lliad in Francia ha fatto crollare la rete di Orange e qualche malalingua dice che che lo potrebbe aver cercato, visto che le ha procurato elevatissimi introiti causa penali.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here