Confermata la partenza di Iliad tra novembre 2017 e l’estate 2018. Da fonti francesi arriva anche la notizia dell’ ok, da parte delle autorità di Bruxelles ad un accordo ancora più esteso e completo tra Wind Tre e Iliad. Roaming totale. E anche in 5G.

Iliad roaming 5G
Iliad e Wind Tre. Continua la cessione delle antenne e il Ran Sharing. Esteso l’ accordo anche sul 5G.

Xavier Niel ne aveva parlato già alla prima convention di presentazione, nella quale si annunciò ufficialmente la nascita di una filiale italiana di Free Mobile. L’ accordo di roaming con Wind Tre, seppur sconosciuto al pubblico per quanto riguarda i dettagli economici, è ritenuto dai vertici Iliad estremamente conveniente.

Questo perché tale accordo, è stato utile a Wind Tre per vedersi approvata la fusione. Ed è quindi un accordo privato tra le parti ma con la fondamentale benedizione dell’ UE. Ora, stando ad affidabili fonti francesi, Iliad avrebbe esteso la portata dell’ accordo anche alle nuove e future tecnologie in 5G.

Collaborazione totale sulle reti quindi tra Iliad e Wind Tre. In particolare, l’ accordo tra le due società prevede:

  • Il trasferimento di varie bande di frequenza per un totale di 450 milioni: 2x 35 MHz per 3G / 4G (2x 5 MHz a 900 MHz, 2x 10 MHz a 1800 MHz, 2×10 MHz a 2100 MHz e 10 MHz a 2x 2600 MHz)
  • L’acquisizione di diversi siti in aree ad alta densità,
  • Un accordo RAN Sharing (condivisione in rete) sulle aree rurali con Wind / H3G, o di acquisire questa zona diverse migliaia di siti web macro da Wind / H3G
  • Un accordo di roaming 2G, 3G e 4G sulla rete fuse i due operatori per un periodo di 5 anni, rinnovabile su iniziativa di Iliad, se necessario, per ulteriori 5 anni.

Iliad. Un’ estensione rapida della copertura di rete

Non solo roaming quindi ma anche Ran Sharing. Un tipo di soluzione che consentirà al nuovo gestore un forte risparmio in termini di costi, tempi d’ installazione e consumi energetici. L’ estensione della copertura diretta di Iliad sarà quindi molto rapida, sopratutto se confrontata alle difficoltà incontrate da 3 nel suo primo decennio di attività.

Grazie all’ accordo con Wind Tre, pare che in Iliad si punti a circa 10 mila nuove antenne 3G/4G già nei primi mesi di attività.

Resta ancora sconosciuto il nome commerciale effettivo con il quale Iliad sarà presente nel mercato italiano.

Per tutte le informazioni e le anteprima sul nuovo quarto gestore Iliad, continuate a seguire i nostri blog www.upgo.news e www.4fan.it!

Lascia un commento

avatar