Iliad Italia – Ho Mobile torna a dialogare con Open Fiber. Si lavora per il lancio di un’ offerta  anche per la telefonai fissa. Iliad Italia si servirà probabilmente della rete in fibra ottica di Open Fiber, anche se per il momento manca la firma.

Iliad cerca Open Fiber
Iliad cerca Open Fiber. Alleanza con il consorzio di Enel per la fibra ottica targata Xavier Niel.

Open Fiber, secondo l’ informato tomshw.it sarebbe oggi in grado di garantire ai propri partner margini di circa il 50%. Ottimi per consentire a qualsiasi telco di entrare nel grande business dell’ ultra broadband.

Ovviamente l’ opportunità non sfugge a Xavier Niel, prossimo ad entrare in Italia nel mercato della telefonia mobile con un nuovo quarto gestore, il cui nome commerciale sarà Ho Mobile. Da sempre infatti Niel non ha escluso interesse anche per la telefonia fissa italiana.

Del resto, la strategia commerciale nel nostro Paese è in parte ancora da definirsi ma oltralpe, Free Mobile fa ampio uso di sinergia fisso-mobile. Lì infatti la compagnia ha costruito una base clienti partendo inizialmente dall’ offerta di casa per poi espandersi nel mobile, con sconti molto forti ai clienti che a casa utilizzano il famoso FreeBox.

In Italia potrebbe avvenire lo stesso? Presto per dirlo. I dialoghi con OpenFiber sono ancora ad una fase iniziale mentre la partenza sul versante mobile è davvero prossima.

Sembrerebbe infatti confermata l’ accelerata della filiale italiana di Iliad che potrebbe portare ad un lancio commerciale del quarto operatore mobile entro gennaio-febbraio 2018.

Wind Tre cessione frequenze ad Iliad. Ok dall’ Antitrust

Come riporta CorCom, è arrivato nel frattempo l’ ok formale dall’ Antitrust italiano alla cessione delle frequenze di Wind Tre a Iliad. L’ operazione, necessaria allo sviluppo della nuova rete 4G, è stata decisa e comunicata all’ Unione Europea al momento della fusione dei due gestori italiani Wind e H3G. L’ operazione prevede la cessione di un ramo d’ impresa e non comporta alcuna pericolosa concentrazione sul mercato italiano.

Anzi, nello specifico la cessione di uno spettro frequenziale a Iliad permette un ulteriore sviluppo sul fronte della competizione. Per questo, questa approvazione dell’ autorità italiana era ritenuta da tutti molto scontata.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here