Home » Notizie su Offerte, Tariffe e Copertura di ILIAD » Ecco perché Iliad ha portato Tim in Tribunale

Ecco perché Iliad ha portato Tim in Tribunale

Iliad porta la Tim in tribunale. Ecco perché. Titolo dell'articolo

Tim per un lungo periodo avrebbe contattato gli ex-clienti, passati a Iliad, per proporre loro allettanti proposte per il rientro. Una politica scorretta, secondo Iliad. Alla fine i due gestori sono finiti in tribunale e in questo post vi raccontiamo questa interessante vicenda che vede Iliad vs TIM.

Tra le varie strategie commerciali attuate da operatori come Tim, Vodafone e Wind Tre c’è il telemarketing attraverso call center, che in alcuni casi sembrerebbe essere “molesto”: nello specifico, ecco tutti gli aggiornamenti la vicenda Iliad-Tim.

CHIAMATE INDESIDERATE TIM: LA VICENDA

I call-center degli operatori telefonici possono operare in modo fastidioso, anche usando dati che non dovrebbero nemmeno avere: ecco il motivo principale che ha portato in tribunale la vicenda Iliad contro Tim, in cui quest’ultima risulterebbe colpevole di chiamate indesiderate ai neo-clienti, attuate con insistenza per riportarli sotto la sua copertura.

Banner Iliad Offerta 50 Giga
Iliad Giga 100

Nello specifico, il caso a cui ci riferiamo e di cui vi vogliamo tenere aggiornati è strettamente collegato alla sanzione da 27 milioni di euro inflitta a TIM per condotte scorrette, con centinaia di segnalazioni nel periodo da gennaio 2017 ai primi mesi del 2019. Tutti questi avvisi riguardavano la ricezione di chiamate promozionali indesiderate senza consenso o, addirittura, nonostante l’iscrizione degli utenti “importunati” al Registro pubblico delle opposizioni.

A che punto è questa vicenda? Cosa succederà in futuro? Facciamo subito un po’ di chiarezza sullo scottante caso Iliad vs Tim.

CASO ILIAD/TIM: LA BATTAGLIA IN TRIBUNALE

Il caso delle chiamate indesiderate da TIM ha subìto degli aggiornamenti nell’ultimo periodo, e nello specifico a fine novembre 2020: in quei giorni la sentenza del TAR è stata sospesa dopo che Iliad aveva visto accolto il ricorso per accedere agli atti. Ma cos’è successo? Andiamo con ordine.

In pratica, dato che anche un’altra compagnia (Fastweb) aveva (alla fine) avuto accesso a questi documenti importanti, per verificare quali numeri fossero stati contattati, anche Iliad ne fece richiesta. Il problema è che la compagnia francese si è vista negare questa opportunità e ha dunque scelto di fare ricorso contro il parere negativo del Garante.

La procedura, grazie al movente dichiarato, ha poi ottenuto dal TAR l’ok, con l’accesso (limitato) agli elenchi di numerazioni usati da TIM per i contatti commerciali illeciti. Iliad ha infatti dichiarato fin dall’inizio, sia al Garante Privacy che al TAR del Lazio, il fatto che la sua richiesta fosse motivata dalla necessità di difendere i suoi diritti nei confronti di TIM, per provare le violazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti.

Ma com’è finita la battaglia legale?

ILIAD VS TIM: IL FUTURO

Tim non è stata in silenzio e all’inizio di questo mese (dicembre 2020) ha ottenuto la sospensione dell’esecutività della sentenza direttamente dal Consiglio di Stato, dopo sua stessa proposta d’istanza per misure cautelari monocratiche.

Il CdS ha dunque accolto la richiesta per motivi di estrema urgenza, visto che Iliad potrebbe accedere agli atti e vanificare l’appello di TIM, cioè tutelare la riservatezza dei documenti legati al procedimento sanzionatorio.

La sentenza era dunque fissata il 17 dicembre 2020, cui ha fatto seguito l’ordinanza del 18, in cui il Consiglio di Stato ha definitivamente accolto l’istanza cautelare sospendendo le decisioni del TAR. La possibilità concessa a Iliad all’accesso ai documenti “incriminati” è oggi sospesa.

Prossima udienza di merito prevista per il 18 marzo 2021.

Nelle puntate precedenti di 4Fan.it:

11 commenti su “Ecco perché Iliad ha portato Tim in Tribunale”

  1. Scusate ma sul cellulare basta rispondere, mandare a cagare l’operatore che ti affligge e mettere il numero nella lista nera, e fine dei giochi

    Rispondi
  2. Monta sul tuo smartphone app. come Sync.ME o Truecaller che ti avvisano sulle numerazioni SPAM: potrai non rispondere o inserirli in una black list.

    Rispondi
  3. Io ho chiesto il recesso del contratto con Tim dopo l’interruzione di servizio per 20 giorni anziché ripagarmi il disagio causatomi mi annunciavano l’aumento della bolletta del 40%.
    A seguito del recesso mi hanno fatto pagare la penale per interruzione anticipata del contratto. Ma sala fine mi sono liberato di Tim.

    Rispondi
  4. io sono passato ad iliad a fine ottobre 2020 e da novembre ad oggi,non solo TIM mi chiama 3 giorni a settimana per più volte,ma anche vodafone. Tim lo fa con più insistenza nonostante io sia stato cliente di WIND.

    Rispondi
  5. Tranquilli che Vodafone sta facendo la stessa cosa con me, che son passato ad Iliad, e con mia madre che è passata a PosteMobile

    Lo fanno tutti

    Rispondi
  6. Tanto tim con le sue offerte riuscirà a trovare dei cavilli per vincere Iliade. è noto come tim giochi su qualsiasi servizio arrivando a dire gratis per poi pagare a carissimo prezzo ciò che non vale una pippa di tabacco. vergogna vergogna Tim

    Rispondi
  7. tim si deve vergognare invece di continuare a intralciare Iliad abbassasse i prezzi e non continuasse ad aumentare del 30 40 per cento ogni anno , impari da Iliad e facciamo una volta tanto libero mercato fuori dai soliti cartelli all Italiana

    Rispondi
  8. Perseverate sulla vostra strada. Ancora adesso io continuo ad essere infastidito da TIM al punto che mi vedo costretto a non rispondere più a nessuna chiamata con grave disagio. Sul fisso ormai non rispondo nemmeno più e a nulla vale questionare con gli operatori. Sono certo di non aver mai autorizzato l’uso del mio numero e considerate che ho la linea di un altro operatore, eppure continuano a vessarmi. Se usassero le finanze a favore degli utenti invece di pagare stuoli di legali per ottenere vittorie di Pirro forse guadagnerebbe in fiducia se ancora qualcuno fosse disposto a concedergliela.

    Rispondi

Lascia un commento