Kena Mobile anticipa Iliad. Vedremo con tutta probabilità entro qualche settimana la nuova campagna pubblicitaria di Kena Mobile. La prima in assoluto della seconda compagnia mobile del Gruppo Telecom Italia. E la vedremo con un po’ d’ anticipo rispetto al principale concorrente Iliad. Vero motivo della nascita di Kena Mobile.

Kena Mobile di TIM
Kena Mobile. Al via secondo MondoMobileWeb.it la nuova campagna pubblicitaria con Fedez e Banfi.

Kena Mobile, brand virtuale di telefonia mobile del gruppo Telecom Italia focalizzato sul segmento di clientela low cost, starebbe progettando la partenza della propria campagna pubblicitaria, che avrà come testimonial il cantante e personaggio televisivo Fedez e l’attore pugliese, icona della comicità italiana, Lino Banfi.

La giovane compagnia Kena Mobile, nata nell’anno 2017, opera direttamente su rete Tim e si rivolge ad un pubblico eterogeneo, ma caratterizzato da un’esigenza comune: offerte personalizzate e improntate alla semplicità dei servizi e delle tariffe, sia per le chiamate che per la navigazione in rete. L’ obiettivo di Kena è in qualche modo frenare l’ascesa di Iliad, nuovo quarto operatore del Paese.

Per ampliare la conoscenza del nuovo brand sul mercato della telefonia mobile e con l’obiettivo di sviluppare la propria base clienti, l’operatore si affida a due volti noti del mondo dello spettacolo, in grado di coinvolgere sia il pubblico più giovane sia le persone di età più avanzata.

La campagna, secondo indiscrezioni e rumors raccolti in rete, annuncerà l’ingresso di Kena Mobile nel mercato della navigazione 4g su rete Tim (attualmente infatti per i clienti della società la navigazione è attiva solamente sulla rete 3g). Si tratta del debutto assoluto nel mondo dell’advertising per Kena Mobile; lo spot sarà visibile nei prossimi giorni in televisione e sui principali portali internet.

Visti i testimonial che l’azienda ha scelto, è lecito aspettarsi una buona dose di ironia e simpatia, garantita dal contrasto tra l’esuberanza del giovane Fedez e la rassicurante esperienza di Lino Banfi.