Quanto valgono le 1000 lire con la Montessori? “Da non credere”

Maria Montessori fu una delle figure italiane più apprezzate di sempre. Essa fu una scienziata, educatrice, pedagogista, medico, filosofa e neuropsichiatra. A lei si deve, chiaramente, il metodo educativo che porta il suo nome adottato in moltissime scuole dell’infanzia anche al di fuori dell’Europa, un metodo che pone l’importanza nell’apprendimento pratico del bambino. Fu, inoltre, anche tra le prime donne italiane a laurearsi in medicina e lo Stato, come saprete già, le ha riservato un posto d’onore. Essa, infatti, appare in una delle banconote più usuali appartenenti alla Lira ed il suo volto compare letteralmente in centinaia di milioni di esemplari. Nelle prossime righe di questo articolo, andremo a fare una piccola descrizione delle 1000 lire e scopriamo che valore hanno oggi. 

1000 Lire Montessori

La banconota, porta il suo volto già riprodotto in età avanzata sulla parte destra. Essa porta i capelli raccolti ed un’espressione serena in volto che accenna un lieve sorriso; il suo nome, invece, è riportato a stampatello vicino al bordo del lato corto, in verticale. Caratterizzata da molti colori, inoltre, porta il numero di serie in basso rappresentato su entrambi i lati, ed il valore nominale sia a lettere che a numero attraverso la scritta in alto che recita “1000 LIRE MILLE”. Sul bigliettone trovano posto, inoltre, anche la firma dell’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e quella del cassiere. Al centro, poi, si trovano il contrassegno di Stato, cioè il leone di San Marco e le Repubbliche marinare; ed il profilo di un infante sulle parti ricche di colore. Insieme a quest’ultimo, inoltre, si possono notare chiaramente anche delle tessere di puzzle.

Il valore di questa banconota, come quelle odierne, si decreta, soprattutto, a seconda del suo numero di serie. Esistono, ad esempio, delle serie sotitutive che furono create, appunto, per andare a rimpiazzare dei pezzi difettosi. La cosa interessante, è che si riconoscono facilmente grazie alla prima lettera che le costituisce, ovvero la X. Tutte le banconote che inziano per XA, Xb, XC, ed XD, infatti, possono valere fino a 200€ per pezzo.