Questa banconota dell’euro scomparirà presto: ecco quale

Sono passati ormai 20 anni da quando l’Euro ha sostituito del tutto la cara vecchia Lira Italiana. Inizialmente le due valute convissero dal primo Gennaio 2002, fino a quando, poi, il primo Marzo dello stesso anno, l’Euro divenne la nuova moneta di scambio in circolazione. Quest’ultimo fece fatica ad essere accettato dalla gente, legata da moltissimi anni alla Lira, soprattutto per il taglio e l’aspetto delle nuove monete e banconote entrate da poco in circolo. A distanza di anni, poi, fu evidente il fatto che non tutti i tagli di banconote, a causa del valore, fossero utilizzati allo stesso modo di altri. Di fatti, le banconote da 5 a 100 Euro sono ampiamente più usate rispetto alle restanti due, ossia quelle da 200 e 500 Euro. 

Stop al taglio da 500

Dal 2019 a questa parte, infatti, la Banca Centrale Europea ha interrotto la produzione della banconota da 500 Euro. Decisione presa sia per lo scarso impiego da parte della popolazione, sia perchè adoperata in modo improprio a favore dell’evasione fiscale, creando enormi danni alle casse di ogni nazione. Per lo stesso motivo, la BCE potrebbe presto interrompere anche la produzione del taglio da 200 Euro. Questo non significa che queste banconote perderanno valore e validità, dal momento che ogni banconota già stampata manterrà per sempre il suo valore.  Ad ogni modo, però, le abitudini delle persone sono direzionate verso i pagamenti telematici ed elettronici, quindi in un futuro non troppo lontano il contante molto probabilmente sparirà dalle nostre tasche.

Oltre ai motivi precedentemente elencati, ci sono diverse altre ragioni del perchè è stata bloccata la produzione delle 5oo Euro. Primo tra tutti, come già accennato prima, la lotta alla criminalità ed evasione fiscale. Il pagamento di roba illecita come armi o droga richiede, infatti, il compenso di una somma molto elevata, che per evitarne il tracciamento, avviene tramite cash; ragion per cui si utilizzava il bigliettone da 500. In questo, modo si raggiunge il totale nel minor numero di banconote possibile. Altro fattore, infine, era la scomodità da parte dei commercianti nel dover dare il resto e riconoscerne l’autenticità, il che contribuì ulteriormente all’abbandono di questa banconota.