Settanta persone già assunte da Iliad Italia tra le sedi di Milano e Roma. Ho Mobile è sempre più vicina al lancio ufficiale e nelle scorse ore, i vertici francesi del gruppo, oltre a manifestare la gioia per i risultati della compagnia in Francia, hanno mostrato soddisfazione per i lavori in corso relativi al lancio di Ho Mobile.

Ho Mobile
Ho Mobile. Pronti… partenza… ecco le ultime notizie sul lancio del nuovo gestore mobile.

Tutto sarà pronto a breve. Molto presto. Ma probabilmente non entro dicembre, come si sperava fino a poco fa. Si parla, secondo le voci di corridoio di gennaio o febbraio. La squadra della Ho Mobile italiana cresce ma le assunzioni continuano. Certo che 70 unità non sono sufficienti per il lancio della compagnia. Ma sia Thomas Reynaud che Maxime Lombardini, rispettivamente Amministratore Delegato e Direttore Generale di Iliad Telecom si sono detti soddisfatti di questa prima fase della startup italiana.

Probabilmente qualche lungaggine inaspettata è dovuta più che altro a problemi tecnici ancora da risolvere. L’ eredità, pagata profumatamente, che Wind Tre deve lasciare a Ho Mobile per consentirle di operare, prevede spettri di frequenze e antenne. E se è vero che la copertura in ran sharing della rete Iliad 222-50 ha praticamente raggiunto tutta Italia è altrettanto realistico pensare che in casa Iliad vogliano partire fin da subito anche con una copertura diretta e indipendente almeno nelle grandi città italiane. Così anche da arginare i problemi, possibili nelle aree densamente popolate, di saturazione delle reti Wind Tre.

Milano già procede bene mentre non si è ancora vista alcuna installazione autonoma a Roma.

Ad oggi nessuna ulteriore anticipazioni sulle tariffe e sulle offerte commerciali. Ciò che è sicuro è che Ho Mobile arriverà giusto in tempo per reintrodurre nel mercato italiano le tariffe con rinnovi a 30 giorni, proprio nel periodo durante il qualche anche i principali competitor saranno costretti a fare altrettanto.

Da gennaio 2018 infatti, in pieno clima Ho Mobile, anche Tim, Vodafone e Wind Tre dovranno modificare i piani per tornare alla fatturazione ogni 30 giorni, sia per gli abbonamenti che per le ricaricabili. Non per volontà, sia chiaro ma perché costretti dal Parlamento italiano che ha dovuto partorire un provvedimento ad hoc.

Ancora una volta, per conoscere tutte le anteprime su Ho Mobile, seguiteci qui su www.4fan.it o anche via Facebook, attraverso la nostra pagina ufficiale o sul gruppo dedicato ai fan di Ho Mobile.

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
maxxi81 Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
maxxi81
Ospite
maxxi81

” Tim, Vodafone e Wind Tre dovranno modificare i piani per tornare alla fatturazione ogni 30 giorni”… con successiva rimodulazione delle tariffe… contiamo i giorni per passare a HO MOBILE!