Wind Tre, cambio di proprietà e cambio del partner per lo sviluppo della rete. Tantissime novità nel mondo Wind Tre nelle ultime ore. Un po’ a sorpresa, i due soci hanno di fatto rotto la joint venture e, previa approvazione delle autorità, Wind Tre spa passerà in mano ad un unico socio: Hutchison, ovvero, per dirla in parole semplici: Tre. Se non vi fosse stata questa fase passaggio con le quote paritetiche, si sarebbe trattata di un’acquisizione pure e semplice. Tre che ha comprato Wind. Questo passaggio intermedio di joint venture, durato solo un anno e mezzo, ha confuso un po’ le acque. Ma di fatto, la storia alla fine è stata questa: il vecchio quarto operatore, 3, ha acquisito il brand arancione. Una notizia importante per gli appassionati di telefonia e anche per noi fan e clienti di Iliad, visto lo stretto rapporto che lega Wind Tre sia all’arrivo di Iliad ma anche al suo presente, per quanto concerne la fornitura della rete di trasmissione.

Iliad Wind Tre ZTE loghi
Wind Tre, ZTE e Iliad. Vi spieghiamo l’intreccio complicato. Ecco cosa sta cambiando in queste ore.

E proprio sulla rete Wind Tre, a poche ore di distanza dall’annuncio del pieno controllo dei cinesi di Hutchison Whampoa, arrivano anche voci insistenti sulla mega commessa per lo sviluppo della nuova rete unica nazionale Wind Tre. Se ne parla in questo articolo di UpGo.news. Wind Tre starebbe trattando con Ericsson per rispondere alle immense difficoltà riscontrate dai cinesi di ZTE, oggi a quanto pare impossibilitati, a causa del ban americano, a proseguire i lavori nei tempi stabiliti.

Ritardi non ufficiali ma dei quali si è parlato insistentemente. Ufficialmente Iliad tace, evitando completamente di fare comunicazione sull’argomento network. Si vocifera però che anche i francesi siano un po’ arrabbiati dei ritardi Wind Tre che non avrebbero consentito di entrare in possesso delle antenne, almeno per il numero concordato.

Wind Tre infatti ha un doppio impegno con Iliad. Accordi sanciti in sede europea, al momento del matrimonio Wind Tre.

Wind Tre spa fornisce ad Iliad, in ran sharing, la rete di trasmissione. Inoltre, cede ai francesi, antenne per lo sviluppo di una rete nuova e indipendente, di proprietà solo di Iliad. Ecco che le storie dei due operatori si intrecciano.

Perché la rete unica nazionale Wind Tre, accesa in poche città e in forte ritardo, è l’infrastruttura fondamentale che serve Iliad già oggi. E una rete più potente e performante, va quindi a beneficio diretto anche dei clienti Iliad. E la cessione delle antenne, così come deciso tra i due soggetti, consente ad Iliad la creazione in parallelo di un network veloce ed efficiente, autonomo, almeno nelle grandi città, dove il rischio di saturazione è forte.

Insomma, se Wind Tre non accelera, superando velocemente i problemi di fornitura con ZTE, anche Iliad potrebbe bussare alla porta del gestore, chiedendo il rispetto degli accordi. Intese che sono alla base dell’entrata di Iliad nel mercato italiano e che i francesi, vale la pena ricordarlo, pagano profumatamente. E che in parte, hanno già pagato.

Ecco che quindi l’accordo tra Wind Tre e il costruttore di reti Ericsson, ovvero la soluzione definitiva ai troppi problemi di ZTE (e che HDBLOG dà ormai per certo), coinvolge direttamente anche Iliad. Perché quella benedetta rete, nasce per servire già oggi, la maggior parte degli utenti italiani di telefonia mobile: quelli del primo operatore Wind Tre, dell’esordiente Iliad e del primo gestore mobile virtuale PosteMobile. È quindi il caso di tifare tutti che questa infrastruttura, strategica per tutti, si realizzi, bene e nei tempi concordati.

Vuoi ricevere tutte le news su Iliad? Iscriviti al Canale Telegram. Partecipa alla discussione su questa notizia, con altri fan di Iliad, cliccando qui.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here