Ricca intervista del giornale Le Parisien al fondatore di Iliad Xavier Niel. La giornalista Anne Claude Pont ha intervistato l’ uomo d’ affari facendo anche qualche interessante accenno all’ avventura in Italia del gruppo, dove a breve sarà lanciata Ho Mobile.

Xavier Niel intervista
Xavier Niel. Intervista a Le Parisien. Il patron di Iliad torna sugli investimenti esteri e sulla nascita di Ho Mobile.

Xavier Niel ha quindi parlato dell’ importanza strategica degli investimenti all’ estero per Iliad. I suoi affari sono oggi, oltre che in Francia, anche in Svizzera, nel piccolo ma strategico Principato di Monaco e da pochissimi mesi anche nell’ interessante mercato telefonico del Senegal.

Ma proprio sull’ argomento dell’ espansione del gruppo in altri territori, Xavier Niel ci ha tenuto ad esporre la sua filosofia. “Una startup americana crea sempre un prodotto unico da vendere in tutto il mondo. Noi invece pensiamo ai mercati locali”.

Secondo Niel i mercati telco sarebbero ancora molto radicati nei territori, fortemente influenzati da fattori culturali ed economici ma soprattuto legislativi, con complessi regolamenti e vincoli di licenza fortemente variabili da Stato a Stato.

Per questo quindi, Ho Mobile, sarà sì la cugina stretta di Free Mobile ma avrà una sua personalità. Una propria indipendenza, dal punto di vista operativo e più in generale, nei valori espressi dal brand.

Leggi anche: Chi è Xavier Niel?

Xavier Niel. Sconvolgeremo l’ Italia

Saremo presenti nel mercato telefonico italiano per sconvolgerlo. Non rinuncia però ad un approccio sempre dirompente il fondatore di Free. Anche in Italia, Ho Mobile, sconvolgerà il mercato italiano con nuovi prezzi ed un approccio totalmente rivisto nei confronti del cliente. E se lo dice Niel, possiamo crederci.

Nessun accenno, ancora, alla data ufficiale di lancio di Ho Mobile. Per il momento restiamo in attesa di qualche comunicazione dal quartier generale di Milano.

Per oggi è tutto, il nostro invito è di aggiungere la nostra Pagina Facebook e di discutere con noi sul Gruppo Ho Mobile.

FONTE

Lascia un commento

avatar